Categoria: Itinarrario

Il gioco dello scrivere, la scrittura di un (video)gioco.

La sceneggiatura di un videogioco – e più in generale di prodotti multimediali e interattivi – offre irresistibili opportunità narrative, impossibili da realizzarsi per altri medium comunicativi, ma non è priva di difficoltà…

Un motivo al giorno

Per diversi anni, quelli dell’infanzia prima e della giovinezza poi, ho esercitato il cuore inseguendo, nell’addormentarmi, un motivo sufficiente al mio risveglio, nel tentativo di riempire la giornata successiva già dalla notte che la precedeva…

Rivalta: la terra che si cela, la natura che si rivela, l’uomo che lavora…

La prima volta che ho “incontrato” questo paesaggio, l’aria che respiravo e il silenzio tutt’intorno mi hanno incantata: la presenza di questo angolo di natura è stata una delle ragioni per cui io e la mia famiglia abbiamo deciso di cambiare casa e venire a vivere qui vicino. Qualcosa di poetico e naturale vi si intravedeva…

Scrivere al tempo dei Big Data: questione di punti di vista.

Chiunque si occupi dell’arte e della tecnica della scrittura conosce in profondità la rilevanza – potremmo dire la dominanza – del punto di vista della voce narrante.
Interno o esterno che sia, più o meno onnisciente e focalizzato, il punto di vista è infatti la prospettiva (variabile) con cui l’Autore sceglie di dispiegare una narrazione nel tempo…

La sigla delle serie TV come proemio di epopee destinate a durare più che a finire.

Quando una passione profonda incontra il proprio lavoro quotidiano è come quando ci si innamora: volano le farfalle, o, nel mio caso, le libellule. Per aria, nella pancia e soprattutto nel cuore. La passione cui mi riferisco è quella per le serie TV, che coltivo fin da giovanissima. [Continua]